Associazione storica Bellum Aquilarum ONLUS

Molte aree delle Dolomiti hanno in corso progetti di valorizzazione delle testimonianze storiche della Grande Guerra. Sesto di Pusteria è stata vittima e protagonista di quella tragedia. Sesto di Pusteria è l’unico paese di lingua e cultura tedesca appartenente all’Impero che si è trovato sulla linea del fronte, che ha subito l’evacuazione forzata ed il profugato, e che poi, insieme agli altri paesi del Sud Tirolo è stato annesso all’Italia. Questo casuale insieme di eventi rende Sesto un luogo emblematico per narrare quel periodo storico, non solo per i cittadini tirolersi di oggi, ma per tutti gli abitanti dell’Europa.
Le vicende della popolazione civile e dei soldati di quell’importantissimo momento storico sono state finora sorprendentemente ignorate, e la causa è certamente legata agli sconvolgimenti successivi alla fine della guerra ed all’annessione all’Italia. Nel grande interesse per il primo conflitto mondiale che emerge oggi in Europa, Sesto può offrire un contributo unico ed inestimabile.
L’associazione Bellum Aquilarum vuole salvare dell’oblio le testimonianze rimaste di quella tragedia per conservarle e trasmetterle alle generazioni future, ai giovani della Pusteria, ma anche ai giovani dei paesi dell’ ex-impero austro-ungarico che qui combatterono.
La tragedia vissuta così profondamente a Sesto ed in Pusteria, è analoga a quella di molte altre zone d’Europa che si trovaronosulla linea del fronte o che , dopo il conflitto, vissero gli sconvolgimenti seguenti alle annessioni territoriali. Fu quella una frattura culturale, storica e politica immensa, quegli eventi cambiarono certamente la Pusteria ma cambiarono anche l’Europa ed oggi – in una prospettiva europea che permette di superare le antiche tensioni conseguenti al conflitto – la preservazione di quella memoria può aiutare alla costruzione del nostro futuro comune.
L’associazione Bellum Aquilarum è una ONLUS (Organizzazione non lucrativa di finalità sociale) riconosciuta dalla Provincia Autonoma di Bolzano, non ha scopo di lucro, è aperta al contributo di tutti, privati, associazioni e istituzioni che ne condividano gli scopi. Si prefigge di stimolare il recupero e la valorizzazione delle testimonianze storiche rimaste con la creazione e gestione di musei all’aperto, archivi storici, centri di documentazione e quant’altro utile al perseguimento dello scopo statutario.